Privacy Policy

Con il passare del tempo il corpo delle donne (e ovviamente degli uomini) subisce dei cambiamenti. Ma con l’età e soprattutto con la menopausa, cambia anche l’apparato genitale: vulva e vagina invecchiano. Vediamo come e perchè avviene l’invecchiamento della vagina e quali conseguenze può avere sulla vita sessuale.

invecchiamento della vagina

Invecchiamento della vagina: come cambia con l’età e la menopausa?

I segni del trascorrere degli anni non si manifestano solo attraverso i capelli che diventano bianchi e fragili, le rughe sul viso sempre più evidenti. Con l’età cambia anche l’apparato genitale femminile, vulva e vagina. A pesare sull’invecchiamento di vagina e vulva, ovviamente, non è soltanto l’età ma anche e soprattutto la menopausa.

“La menopausa rappresenta un momento molto critico nel ciclo vitale femminile – dichiara la Dott.ssa Giulia Bracci, psichiatra specialista sessuologa del Centro Medico Visconti di Modrone – caratterizzato da diversi cambiamenti cui spesso non si è del tutto preparati e a cui è difficile adattarsi. Con il passaggio alla menopausa l’apparato genitale subisce trasformazioni a causa della riduzione dei livelli di estrogeni, gli ormoni femminili che permettono di garantire una corretta lubrificazione vaginale”.

Vediamo in cosa consistono questi cambiamenti dovuti all’età e cosa fare per alleviare i sintomi/disagi dell’invecchiamento della vagina e della vulva!

Modificazioni intime dalla nascita alla menopausa: invecchiamento di vulva e vagina

Attraverso tutta la vita fertile della donna, dalla nascita alla menopausa, cambino l’idratazione e la lubrificazione, lo spessore, la struttura e la funzionalità della mucosa vulvo-vaginale. Le modificazioni più significative avvengono durante la pubertà, a ogni ciclo mestruale, nel corso della gravidanza, durante l’allattamento e dopo la menopausa. Ecco le principali modificazioni intime.1

# MODIFICAZIONI DI VULVA E VAGINA DALLA NASCITA ALLA PUBERTA’

Nelle prime settimane dopo la nascita la mucosa vulvovaginale è ancora sotto l’effetto residuo degli estrogeni materni, passati attraverso la placenta, che progressivamente va esaurendosi.

Durante tutta l’infanzia  è assente la stimolazione degli ormoni sessuali come gli estrogeni e pH vaginale è neutro o alcalino. Vulva e vagina rimangono pressoché invariate fino alla pubertà. Intorno agli 8 – 9 anni iniziano a manifestarsi i primi segni dell’imminente adolescenza: aumentano le dimensioni delle piccole e grandi labbra e la compaiono dei primi peli pubici.

Negli anni successivi, ossia durante la pubertà, sotto lo stimolo degli ormoni sessuali femminili (estrogeni e progestinici) maturano progressivamente le ovaie, compare la prima mestruazione, si raffinano i caratteri sessuali secondari e vulva e vagina raggiungono l’aspetto dei genitali adulti.

# MODIFICAZIONI DI VULVA E VAGINA IN ETA’ FERTILE

Vulva e vagina non smettono di subire modificazioni nemmeno in età fertile.

L’aspetto della vulva è maturo, la mucosa vulvare si ispessisce e si mantiene ben lubrificata; anche la mucosa vaginale si ispessisce, i lattobacilli protettivi dell’ambiente vaginale diventano numericamente superiori nelle donne sane e garantiscono l’acidità dell’ambiente vaginale. La secrezione di muco aumenta, diventa più chiara e più elastica prima dell’ovulazione, per facilitare – in caso di un rapporto sessuale – la risalita degli spermatozoi.

Gravidanze e parti contribuiscono a cambiare ulteriormente la forma della vulva e della vagina, che dopo il parto impiegano molto tempo a recuperare il tono precedente (e, se trascurate, non lo recuperano mai). Le secrezioni vaginali possono essere temporaneamente ridotte per le alterazioni dell’ecosistema vaginale. Inoltre, gli eventuali traumi ostetrici possono provocare dolore durante i rapporti (dispareunia) . Tutta la muscolatura vaginale si ispessisce e si rinforza per prepararsi al parto. Aumenta il rischio di infezioni da Candida (+10-20 volte) e di altre vaginiti. Dopo il parto progressivamente (6-12 settimane) la morfologia e le dimensioni del tratto vaginale si ristabiliscono.

Già a partire dai 30 anni si inizia a registrare una lenta e impercettibile perdita di tono sia interna che esterna, molto spesso asintomatica.

# MODIFICAZIONI DI VULVA E VAGINA IN MENOPAUSA

Con l’avvento della premenopausa e della menopausa si registra quello che viene definito il vero e proprio invecchiamento vulvare e vaginale dovuto essenzialmente alla progressiva riduzione dei livelli ormonali fino alla cessazione della funzione ovarica e del ciclo mestruale.

I sintomi della menopausa possono essere molto variabili da donna a donna, per intensità e tipologia, in ogni caso vulva e vagina subiscono dei cambiamenti: si ha progressivo assottigliamento sia della vulva sia delle pareti vaginali, con conseguenze spiacevoli come la secchezza vaginale che può dare luogo a perdite, prurito intimo e il dolore durante i rapporti sessuali tipici anche di infezioni come la candida. Vediamo più nel dettaglio i principali cambiamenti di vulva e vagina:

# COME CAMBIA LA VULVA IN MENOPAUSA

  • I peli pubici si diradano
  • Il grasso sottocutaneo si riduce
  • La mucosa si assottiglia
  • La vulva è meno lubrificata, tendenzialmente secca (atrofia della mucosa) e ciò può portare prurito e bruciore
  • La mucosa è più facilmente irritabile e più sensibile alle infezioni, soprattutto nelle donne già predisposte
  • Nelle donne in post-menopausa con incontinenza urinaria compare spesso una dermatite perineale che ha un notevole impatto sulla qualità della vita quotidiana.

# COME CAMBIA LA VAGINA IN MENOPAUSA

  • La mucosa vaginale si assottiglia, appare più asciutta e meno elastica
  • Alcune donne manifestano irritazione, bruciore e pruriti
  • La vagina impiega più tempo per diventare umida durante i rapporti sessuali: il maggiore attrito può causare dolore (dispareunia), disagio ed ansie
  • Il pH vaginale aumenta
  • i batteri nocivi presenti nel perineo possono aumentare e prevalere rispetto ai lattobacilli
  • Aumenta la frequenza di infezioni urinarie e vaginali.

La secchezza vulvare e vaginale, la scarsa idratazione, la perdita di elasticità dei tessuti, la riduzione del PH vaginale (che crea un disequilibrio nella flora vaginale esponendo più frequentemente la donna al rischio di contrarre infezioni batteriche, micosi e sintomi associati come prurito e dolore) sono tutti sintomi del calo ormonale che indibbiamente possono creare una condizione di disagio psicologico nella donna che percepisce un cambiamento fisico imputabile al processo di invecchiamento del corpo, associato anche ad un calo del desiderio sessuale e perdita della propria immagine di essere seducente e desiderabile. Questi cambiamenti  possono incidere in modo importante anche sulla vita sessuale della donna e della coppia in quanto tali sintomi rendono difficili e spesso dolorosi anche i rapporti sessuali penetrativi.

Rallentare l’invecchiamento della vagina e della vulva

Questa condizione colpisce il 50% delle donne ma, nonostante l’alta incidenza, viene troppo spesso tenuta in scarsa considerazione e sottostimata anche a causa di un certo pudore e vergogna a parlarne liberamente. Per questo molte donne neanche pensano e pianificano un corretto trattamento che possa aiutare a migliorare la sintomatologia e, di conseguenza, a mantenere anche una soddisfacente vita sessuale.

Gli interventi terapeutici volti a migliorare l’idratazione della mucosa vulvare e vaginale e quindi a ridurre i sintomi associati come prurito, bruciore, dolore, esistenti e comprendono:

  • terapie farmacologiche classiche come i trattamenti sostitutivi sistemici o la terapia estrogenica vaginale locale
  • trattamenti laser
  • trattamenti topoci e integratori naturali che possono essere assunti anche in via preventiva.

L’invecchiamento intimo – e i fastidi che esso comporta – inoltre, pur essendo fisiologico, può essere rallentato attraverso piccoli trucchetti. Per esempio, è consigliabile utilizzare le palline vaginali già a partire dai trent’anni d’età e come aiutanti per il recupero post parto. Gli esercizi di Kegel, consentono di allenare il pavimento pelvico e le pareti vaginali, prevenendo disturbi che insorgono con l’età. E non dimenticate che fare l’amore è il primo e più infallibile metodo anti invecchiamento, sia per lo spirito sia per il corpo!

Fonte:

1) Mod da M Farage, H Maibach, Lifetime changes in the vulva and vagina – Arch Gynecol Obstet (2006): 273; 195-202.

LEGGI ANCHE ALTRI ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA:

NOTA BENE: Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

 

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!